Accoglienza di Castelli Aperti

Le Tre Cascine - Castello Malingri di Bagnolo

Il Castello di Bagnolo è immerso tra splendidi paesaggi naturali, tra boschi e vigne, ed ha un giardino storico annoverato tra i Grandi Giardini Italiani.
Sorge ancora la cinta delle mura del castello: imponente struttura militare tutta in pietra con torri, feritoie e barbacani, cammini di ronda decorazioni «a fresco» del XIII- XIV secolo. Dal 1500 subì trasformazioni importanti che, da strumento di difesa, lo portarono a diventare dimora e residenza dei conti Malingri, tanto da mutarne il nome in Palazzo.
Nel periodo rinascimentale il Palazzo si arricchì di splendidi affreschi “en grisaille” di guerrieri in armatura da parata, chiamati i “Lanzichenecchi” forse perché erano truppe mercenarie di origine tedesca più armate ed agguerrite e dovevano intimorire i nemici anche solo in effige. Sempre sulla facciata sud incorniciata da un edicola di struttura ancora prettamente gotica la dolcissima Madonna con Bambino attribuita al pittore Jacopino Longo allievo di Macrino d’Alba, del 1530 circa. Una fascia di decorazione elegante con curiosi medaglioni rappresentanti figure simboliche segna sulla facciata il primo ed il secondo piano oggi non più esistente.
L’antico borgo medievale in età moderna divenne un cortile chiuso da edifici rurali, magazzini, fienili, stalla con al centro ancora quella che doveva essere la chiesa del paese e che poi divenne la cucina del Palazzo, chiamata “cucina vecchia”. Lo testimonia il bell’affresco sopra la porta gotica che rappresenta l’Annunciazione. La Lobbia un loggiato in leggio scolpito a mano si affaccia sopra la porta dell’Annunciazione. La scuderia per i cavalli e le carrozze sono conservate e visibili, tra queste anche un antico carro agricolo, modello dei carri che circolavano nel medioevo. Anche il pozzo coperto è ancora in funzione, procura acqua sempre a fresca e buona scavato a circa 30 metri di profondità.
La facciata verso corte del Palazzo è austera e semplice, sull’ ingresso di una delle porte un dipinto in finta pietra porta una bella frase di benvenuto “AN OPEN DOOR AND A GREETING HAND” posta su suggerimento di una governante irlandese dei giovani conti Malingri.
Il parco, di impianto seicentesco, in stile formale con disegno e geometrie verdi e fiorite, segnato dalle siepi di bosso, carpino e tasso e dalla splendide gallerie di carpini fu rielaborato agli inizi dell’Ottocento secondo i canoni romantici. Il parco si estende per circa due ettari ed è ricco di esemplari di alberi particolarmente alti, tra 40 e 50 metri. In modo armonioso convivono pinus nigra, pinus austriaca, cedri deodara, taxus bacata, metasequoie e poi faggi di varie qualità, querce, libocedrus, criptomeria japonica ed altri. Il disegno dei sentieri percorre tutto il giardino chiuso da mura, i due grandi prati a cui fanno cornice gli alberi secolari, conifere e latifoglie di molte specie e collezioni di arbusti fioriti come rododendri, azalee, camelie ed ortensie, la cui fioritura è uno degli eventi della stagione primaverile. Le cosiddette “tampe dei cervi”, solcate da un ponte in pietra, e la torretta chiamata “casa del bau”, caratteristica costruzione a pianta circolare un po’ torre, un po’ luogo di meditazione e di frescura movimentano l’impianto pianeggiante del giardino e lo rendono misterioso e suggestivo.

Curiosità

MONUMENTI CITTADINI
Concentrico, Campanile Romanico – Gotico, Chiesa di S. Pietro in Vincoli, Chiesa di S. Giovanni Battista, Torre dei Gossi

NEI DINTORNI
Le città d’arte Saluzzo e Pinerolo, l'Abbazia di Santa Maria di Cavour, l’abbazia cistercense di Staffarda, il Monastero cistercense Dominus Tecum

PRODOTTI TIPICI
le Losette di Bagnolo che prendono spunto dalle tipiche pietre utilizzate nelle coperture dei tetti in queste valli montane, le lose

SPORT
nei dintorni possibilità di praticare: sci, golf, roccia, parapendio, mountain bike, trekking

Servizi

Alloggio nelle “Cascine del castello”, 9 appartamenti ed una camera, dislocate nel parco del castello per alloggi-vacanze di charme.

Possibilità di abbinare brunch o pranzo con la visita del Castello.

Eventi

13 maggio: GIORNATA DI CASTELLI APERTI
Apertura continuativa 10.00-18.00, con visite guidate.
13, 20 e 27 maggio: Fioritura dei rododendri.
20 maggio: Concerto jazz, su prenotazione.
2 giugno: Yoga Camp (su prenotazione).
24 giugno e 1 luglio: Fioritura ortensie.

Indietro

Logo Castelli Aperti

Utilizzando questo sito web, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra politica sui cookie.