Dimore e Giardini di Liguria

Palazzo Reale di Genova

Quello che chiamiamo oggi Palazzo Reale è in realtà una grande dimora patrizia edificata, accresciuta nel tempo e decorata con splendore, oltre che dai Savoia nell’Ottocento, da due grandi dinastie genovesi: i Balbi (che lo costruirono tra il 1643 ed il 1650) e i Durazzo (che lo ampliarono tra la fine del Seicento e l’inizio del secolo successivo).
Il palazzo è forse il più vasto complesso architettonico sei-settecentesco a Genova che abbia conservato intatti i suoi interni di rappresentanza, completi sia delle decorazioni fisse (affreschi e stucchi) sia di quelle mobili (dipinti, sculture, arredi e suppellettili).
Le volte dei salotti e delle gallerie sono affrescate da alcuni dei nomi più importanti della decorazione barocca e rococò. Tra gli oltre cento dipinti esposti nelle sale si trovano opere dei migliori artisti genovesi del Seicento insieme a capolavori dei Bassano, Tintoretto, Luca Giordano, Anton Van Dyck, Ferdinand Voet e Guercino.

Appartamento dei Principi Ereditari, detto anche Appartamento del Duca degli Abruzzi
La principesca suite nell'ala orientale al primo piano nobile del Palazzo Reale conserva ancora oggi il nome di uno dei suoi ultimi inquilini storici Luigi Amedeo di Savoia-Aosta (1873-1933), duca degli Abruzzi, celebre esploratore, navigatore, alpinista, ammiraglio, figlio di Amedeo, duca di Aosta e re di Spagna. L’appartamento che ha subito nel tempo numerose modifiche, ampliamenti e riduzioni, è formato oggi da dieci sale riccamente arredate, in occasione delle nozze del principe Vittorio Emanuele e Maria Adelaide d'Asburgo-Lorena avvenute nel 1842.
Nelle sale è possibile ammirare tele di artisti quali Giovanni Benedetto Castiglione detto il Grechetto, Vincenzo Camuccini, Luca Cambiaso, Carlo Maratta, Domenico Parodi, ritratti di casa Savoia e un notevole numero di arredi, suppellettili e tappezzerie risalenti all’allestimento voluto nel 1842 da Carlo Alberto.
(Visitabile su prenotazione al tel. +39 010 2710236)

Caratteristiche della visita

La visita comprende l’atrio monumentale con stucchi settecenteschi, il cortile d’onore, il giardino pensile e l’appartamento nobile al secondo piano con scenografici ambienti di rappresentanza quali la Sala del Trono, il Salone da Ballo e la Galleria degli Specchi.
Previa prenotazione è inoltre visitabile l’Appartamento dei Principi Ereditari detto anche del Duca degli Abruzzi fatto allestire dai Savoia al Primo Piano Nobile del palazzo: questo mirabile esempio di appartamento reale conserva ancora intatti arredi, tessuti e decorazioni ottocenteschi.

Servizi

Portineria e prima accoglienza (nell’orario del Museo); Laboratorio di restauro (per appuntamento); Biglietteria e centro informativo (orario); Fototeca (per appuntamento); Bookshop (orario); Biblioteca (per appuntamento); Visite accompagnate con informazioni (orario); Archivio (per appuntamento); Servizi didattici per le scuole (su prenotazione); Mostre temporanee Percorsi tematici (su prenotazione); Pannelli informativi in ogni sala (orario); Caffetteria (tel +39 010 8608200 Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.).

Eventi

Mostra LA CITTA' DELLA LANTERNA. L'iconografia di Genova e del suo faro tra Medioevo e Presente - prorogata fino al 1 aprile 2018.
ESPOSIZIONE Coppa Fawcus. Prorogata fino all'8 aprile 2018

Indietro

2018
da martedì a venerdì 9.00/19.00
sabato, domenica e festivi 13.30/19.00
(ultimo ingresso ore 18.30)

chiuso: 25 Dicembre, 1 Gennaio, 1 Maggio e lunedì

Prenotazioni per gruppi superiori alle 15 persone
tel. +39 010 2710286-236 Ufficio gruppi
da lunedì a giovedì 9.00/13.00, venerdì 9.00/18.00

intero: € 6
ridotto: € 3 (fra i 18 e i 25 anni), gratuito per i minori di anni 18
gratuito per tutti i visitatori la prima domenica del mese
giardino: € 1
In caso di mostre ed eventi il biglietto potrebbe subire maggiorazioni.

Il Museo di Palazzo Reale è inserito nella “Card” dei Musei di Genova
Reciprocità con la Galleria Nazionale di Palazzo Spinola: presentando il biglietto intero di uno dei due musei si ha diritto ad accedere con il biglietto ridotto da € 3 nell’altro museo

Logo Castelli Aperti

Utilizzando questo sito web, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra politica sui cookie.