Dimore e Giardini di Liguria

Villa del Principe, Palazzo di Andrea Doria a Genova

Il Palazzo del Principe, il più importante complesso monumentale di Genova, di epoca cinquecentesca, il primo edificio in stile rinascimentale, fu eretto e decorato tra il 1521 e il 1540. Nonostante l'ordinamento repubblicano dell'epoca, Andrea Doria fu in realtà il Signore di Genova e pertanto fece erigere il monumento quale simbolo della sua grandezza, tale da essere considerata una vera e propria reggia, l'unica conosciuta nella storia plurisecolare della Repubblica di Genova.
Una reggia preziosa soprattutto per il suo contenuto: arazzi e affreschi di Perin del Vaga all'interno e fuori, il giardino, iniziato nel 1530 e completato agli inizi del 600 da Giovanni Andrea I, successore di Andrea Doria.
Costituito inizialmente da aiole regolari e fontane, tra le quali la pregevole di Nettuno, di Taddeo Carlone, scolpita nel 1599, venne trasformata nell'Ottocento in giardino all'Inglese, nel carateristico Parco Romantico.
I danni nel periodo della Seconda Guerra Mondiale devastarono l'opera: il recente restauro ha recuperato l'assetto originario e anche le essenze botaniche rispecchiano, se pur parzialmente, le descrizioni storiche pervenute fino ai giorni nostri dal periodo cinquecentesco, per rispettare le specie presenti all'epoca in Italia, tra queste, i primi tulipani botanici.
Il Palazzo, rimasto storicamente di proprietà degli eredi Doria Pamphilii, è aperto al pubblico dal 1995.

Servizi

La Villa è accessibile ai disabili.

Indietro

tutti i giorni compresi i festivi (chiuso 25 dicembre,1° gennaio e Pasqua)

ore 10.00-18.00 (ultimo ingresso ore 17.15); 24 dicembre chiusura ore 17.00 (ultimo ingresso ore 16.00)

Intero: €9
Ridotto o Gruppi - Giovani dai 6 ai 26 anni: €7
Scuole: €7 a studente
Scuole: €7 a studente.
Giardino visitabile gratuitamente durante l’orario museale tutti i giorni, dalle 10.00 alle 18.00.
Si accettano pagamenti con carta
tranne Amex & Diners.

Logo Castelli Aperti

Utilizzando questo sito web, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra politica sui cookie.