Castelli Aperti
 

 

Gli appuntamenti della settimana del 14 settembre


Domenica 14 settembre visita al castello di Cremolino e al castello di Morsasco

Castelli Aperti offre la possibilità di scoprire dimore storiche spesso chiuse al pubblico perché private. E' il caso del castello di Cremolino e del castello di Morsasco, in provincia di Alessandria, che domenica 14 settembre aprono i battenti ai visitatori.
Il castello di Cremolino venne costruito a fine ‘200 intorno ad una torre del XI secolo, da Tommaso Malaspina, figlio dell'ultima erede degli aleramici marchesi del Bosco. Fu feudo dei marchesi Malaspina fino a fine ‘400, quando passò ai genovesi Sauli, ai Centurione, ai Doria fino ai marchesi Serra di Genova a fine '700. Ha mantenuto intatto, con il ponte levatoio, il trecentesco torrino e il dongione quattrocentesco, il carattere di fortezza medievale. È cinto da un parco ottocentesco con fiori e peschiera di ninfee da cui si gode uno splendido panorama.La visita del giardino, delle cantine, dei saloni di rappresentanza della biblioteca e delle sale private del Castello è guidata esclusivamente dal proprietario con due turni, alle ore 15 ed alle ore 17.
Poco distante da Cremolino, nella fatata cornice dell'antico e maestoso Castello di Morsasco, domenica 14 settembre è una giornata dedicata ai più piccoli con visite animate per bambini dai 3 ai 12 anni. La prenotazione è obbligatoria. Per info: Bieffepi Eventi cell 3297265678 info@bieffepi.comLE ALTRE APERTURE DI CASTELLI APERTI DI DOMENICA 14 settembre IN PROVINCIA DI ALESSANDRIA
CASTELLO DI PIOVERA unico turno di ingresso ore 15,30
CASTELLO DI POZZOLO FORMIGARO ore 15.00-18.30
CASTELLO DI UVIGLIE A ROSIGNANO MONFERRATO ore 10.30; visita guidata e previo appuntamento
CASTELLO DI TRISOBBIO ore 10.00 - 13.00: 15.00 - 19.00; visita librea
MUSEO CIVICO E ARCHEOLOGICO AD ACQUI TERME ore 10.00-13.00 e 16.00-20.00; visite libere
MUSEO LA TORRE E IL FIUME A MASIO ore 15.00-18.30; visite libere
VILLA LA SCRIVANA A VALMADONNA 15.00-17.30; visita libera del parco e cappella
PALAZZO TORNIELLI A MOLARE ore 15.30 - 18.30

 

In provincia di Asti, domenica 14 settembre visite a Palazzo Mazzetti

Per domenica 14 settembre la rassegna consiglia la visita a Palazzo Mazzetti, splendido edificio che testimonia l'affermazione di una famiglia di nobili origini, arricchitasi con l'attività della Zecca e con attenti acquisti immobiliari.
La famiglia Mazzetti proveniva da Chieri e si stabilì ad Asti quando Nicoletto e Domenico Mazzetti acquistarono l'antica casaforte dei Turco nel 1442. La loro attività era mercantile, di prestatori di denaro e potevano battere moneta; privilegio che mantennero fino 1614, con la revoca da parte del duca Carlo Emanuele I di Savoia.
Nel 1693 il marchese Giovanni Battista Mazzetti fa accorpare le costruzioni attigue acquistate nel corso del tempo e Palazzo Mazzetti inizia ad assumere la sua attuale struttura.
Una seconda importante fase di lavori prende il via nel 1751 quando Giulio Cesare Mazzetti affida a all'architetto Benedetto Alfieri il progetto di rinnovamento dell'ala est in cui saranno realizzati gli ambienti di rappresentanza. Il disegno del portale di ingresso è riconducibile a quello degli altri palazzi alfieriani di Asti.
Palazzo Mazzetti è una indiscussa dimora di prestigio tanto che ospita nel corso dei secoli personalità come Giacomo Stuart (1717), il re di Sardegna Carlo Emanuele III (1727) e di Napoleone I (1805).
L'edificio oggi è di proprietà della Cassa di Risparmio di Asti ed ospita importanti collezioni: le tavole cinquecentesche del maestro di San Martino Alfieri, opere di Guglielmo Caccia, di Giancarlo Aliberti, di Michelangelo Pittatore, una sezione di pittori genovesi del '600.
Oltre alle mostre permanenti, il Palazzo ospita ancora fino al 28 settembre l'interessantissima mostra Asti nel Seicento. Artisti e committenti in una città di frontiera (ore 10.30 - 19.30; ingresso 5 euro intero; 3 euro ridotto)

 

Domenica 14 settembre, in provincia di Cuneo, alla scoperta delle bellezze della città di Mondovì

Da quest'anno, Castelli Aperti, comprende al suo interno anche dei circuiti di visita cittadini. Per domenica 14 settembre si consiglia proprio un itinerario alla scopertà dei musei e dei beni di Mondovì.
Tramite il biglietto unico del sistema urbano, dal costo di 10 euro, si potranno visitare il Museo Civico della Stampa, il Museo della Ceramica e la Torre del Belvedere.
Il Museo Civico della Stampa (dalle 16.00 alle 19.00) è la più completa raccolta pubblica di macchine ed attrezzature per la stampa esistente oggi in Italia; attraverso le sue collezioni intende valorizzare la storia di questa affascinante attività "che da più di cinquecento anni tramanda e conserva ogni campo della conoscenza umana". La parte più consistente delle macchine esposte proviene dalla collezione dell'ing. Ernesto Saroglia (1908-1989), messe a disposizione dall'Associazione Museo Universale della Stampa di Rivoli, cui si sono aggiunte quelle della Editrice Tipografia Moderna del Commendator Arnaldo Belloni di Nizza Monferrato ed alcune altre messe a disposizione dall'Associazione Amici di Piazza e dalla Provincia di Cuneo.
Il Museo della Ceramica (dalle 10.00 alle 19.00) sorge nel prestigioso Palazzo Fauzone di Germagnano la cui fondazione risale ai primi decenni del Duecento. Nella sala del primo piano il visitatore può percorrere cronologicamente le diverse tappe della storia del distretto monregalese della ceramica, mentre al secondo piano sono visibili le diverse manifatture. Completa la visita al museo la sala multimediale che illustra le diverse fasi della produzione della ceramica.
Simbolo della città di Mondovì, la Torre Civica del Belvedere (dalle 16.00 alle 19.00) si trova negli omonimi giardini del rione piazza posto sulla sommità della collina. Edificata tra il 1200 e il 1300 era in origine il campanile della chiesa di Sant'Andrea in seguito andata distrutta.
Nel 1762 Giovanni Battista Beccaria utilizzò la torre come punto trigonometrico per la determinazione della lunghezza di un arco meridiano in Piemonte.
All'interno sono quindi ospitate diverse sezioni espositive che ripercorrono la storia degli orologi, da quelli elettronici ed elettrici a quelli meccanici. La salita alla torre permette di scoprire tra gli ingranaggi, l'originale orologio a lancetta unica ideato nel 1859, mentre sulle pareti esterne due pannelli illustrano il funzionamento delle meridiane.
La struttura fa parte del percorso tematico Parco del Tempo.
Inoltre, per gli amanti della musica, alle 17.00, nella Chiesa della Missione di Mondovì Piazza, si terrà l'esibizione del coro la Piana di Verbania all'interno del Festival dei Cori Piemontesi tra Langhe Roero e Monregalese.
Le altre aperture di Castelli Aperti domenica 14 settembre
CASTELLO DEGLI ACAJA DI FOSSANO (dalle ore 15 alle ore 18. Partenze dei gruppi con i seguenti orari: 15 - 15,45 - 16,30 - 17,15 - 18)
CASTELLO DI GOVONE ore 10.00 - 12.00; 15.00 - 18.00
CASTELLO DI MONESIGLIO ore 15.00 - 18.00
CASTELLO DI PRUNETTO ore 14.30 - 18.00
CASTELLO DI MONTICELLO ore 10.00 - 12.00; 14.30 - 18.30
CASTELLO DEL ROCCOLO DI BUSCA ore 10.00 - 19.00
CASTELLO REALE DI RACCONIGI: ore 9.00 - 19.30
CASTELLO DI SALICETO visite guidate ore 15.00 e 16.30
CASTELLO DI SERRALUNGA: ore 11.0-13.00; 14.00-18.00 - Ultima visita ore 17.15.
CASTELLO DELLA MANTA ore 10.00 - 18.00
CASTELLI TAPPARELLI D'AZEGLIO A LAGNASCO ore 9.30 - 12.30; 14.30 - 18.30
CASTELLO DI ROCCA DE' BALDI - MUSEO ETNOGRAFICO PROVINCIALE ore 14.30 - 18.30
GIARDINI DI VILLA BRICHERASIO ore 9.30 - 12.30 e 14.30 - 19.00
FORTE ALBERTINO DI VINADIO ore 14.30 - 19.00
MUSEO CIVICO LUIGI MALLE' DI DRONERO ore 14.30 - 19.00
PALAZZO BORELLI - SPAZIO LALLA ROMANO DI DEMONTE ore 10.30-12.00 e 16.00-19.00
IL FILATOIO DI CARAGLIO ore 10.00 - 19.00
BORGATA MUSEO BALMA BOVES ore 10.00 - 18.30
PALAZZO SARRIOD DE LA TOUR ore 10.00 - 19.00
SISTEMA URBANO INTEGRATO DI MONDOVI'
TORRE CIVICA DEL BELVEDERE ore 16.00-19.00
MUSEO CIVICO DELLA STAMPA ore 16.00-19.00
MUSEO DELLA CERAMICA ore 10.00-19.00
CIRCUITO DI VISITA DI SAVIGLIANO
MUSEO CIVICO A.OLMO E GIPSOTECA D. CALANDRA: ore 10.00-13.00; 15.00-18.30
TORRE CIVICA: ore 10.00-12.30; 14.30-18.30. Per la visita rivolgersi all'Ufficio Turistico.
PALAZZO TAFFINI D'ACCEGLIO: ore 10.00-12.30; 14.30-18.30. Per la visita rivolgersi all'Ufficio Turistico.
SISTEMA MUSEALE URBANO DI BRA:
MUSEO CIVICO CRAVERI: ore 10.00-12,30; 15.00-18.00
MUSEO CIVICO DI PALAZZO TRAVERSA: ore 10.00-12,30; 15.00-18.00
MUSEO DEL GIOCATTOLO: ore 10,00-12,30; 15,00-18,30

 

Domenica 14 settembre al Birgarden del Museo Civico Archeologico di Acqui Terme

Proseguono presso il Birgarden del Museo Civico Archeologico di Acqui Terme le animazioni dedicate alla vita quotidiana di Aquae Statiellae a cura del Gruppo Rievocazione Storica Romano - Ligure IX Regio. Domenica 14 settembre il tema sarà "Religione, società e superstizione nel mondo romano". Per info e prenotazioni: Ufficio Cultura 0144 770272

 

 

Domenica 14 settembre al castello di Piovera

Domenica 14 settembre il castello di Piovera sarà aperto con visite guidate dalle 15.30. Alle ore 17.30, nelle sale della dimora storica avrà luogo una conferenza su Eugenio di Savoia "Il nobile cavaliere" tenuta da Riccardo Balzarotti dal titolo: "Vita ed imprese del PrincipeEugenio di Savoia - Soissons difensore di Vienna e dell' Europa dai Turchi"

 

Sabato 13 settembre "Il Castello e i suoi sapori" al castello di Buronzo

Ritorna anche quest'anno la ormai consolidata manifestazione "Il Castello e i suoi sapori" - giunta alla sua terza edizione - che sabato 13 settembre vedrà intorno al castello consortile di Buronzo (VC) una molteplicità di iniziative: filo conduttore saranno i sapori, le eccellenze e le tradizioni del territorio, con il Riso D.O.P. di Baraggia a far da protagonista assoluto.
A partire dalle 14.00 - e sino alle 23.00 - le vie del suggestivo centro storico di Buronzo si coloreranno grazie alle numerose bancarelle di un mercatino di prodotti tipici ed al divertimento che varie attrattive - tra le quali un grande gonfiabile - offriranno ai bambini. Sarà nel contempo possibile visitare il castello consortile (dalle 15 alle 18), ed ammirare un percorso espositivo tematico appositamente creato per la giornata, e dedicato ai "Pionieri del riso in Baraggia". Un autentico organetto di Barberia e il gruppo folk "Eva cèra" contribuiranno a creare con le loro melodie e i loro ballabili atmosfere di altri tempi, come d'altri tempi sarà il sapore di alcuni giochi "dell'aia" che, dalle 15 alle 17, verranno proposti a piccoli e grandi per trascorrere un pomeriggio in allegria, ed attendere la sera.
Clou della giornata sarà infatti la rassegna di risotti made in Baraggia - rigorosamente a base di Riso D.O.P. e prodotti del territorio - che al costo di 8 euro offrirà a partire dalle 19.45 cinque differenti preparazioni, tra le quali naturalmente la classica panissa vercellese: in cucina ci sarà il Comitato Buronzese Feste e Cultura, impegnato a tutto campo in questa vera e propria no stop gastronomica. Chi vorrà gustare, invece, una cena più strutturata, comodamente seduto in castello, potrà trovare una interessante proposta di menu completo a 10 euro, comprendente panissa, carne allo spiedo, contorno e formaggio: in questo caso è però vivamente raccomandata la prenotazione (Carla 3333991165 - 0161851449; Anna 3385389333).
Ancora una volta anche il ristorante di charme "Armonie in Corte" - ospitato nel cuore del centro storico - che per l'occasione proporrà nell'arco della giornata un servizio di caffetteria e, a partire dalle 20.30, un menu comprendente il risotto con le rane.
Orari e dettagli relativi alla giornata sono reperibili sul sito www.castellodiburonzo.it.
Contatti e info:
mail: info@castellodiburonzo.it
Telefono: 0161851134 (Comune di Buronzo, in orari di ufficio), o al numero 3391811017.
Maggiori dettagli ed informazioni sul sito www.castellodiburonzo.it e www.armonieincorte.it

 

Prosegue la mostra "Un amore esclusivo: le montagne di Lalla Romano" a Palazzo Borelli di Demonte

Tutte le domeniche, fino al 4 ottobre a Demonte dalle 14.30 ale 19.00, con ingresso libero, è aperto con visita guidata, lo Spazio Lalla Romano di Palazzo Borelli, dove è esposta la mostra di pittura e fotografia "'Un amore esclusivo': le montagne di Lalla Romano", a cura di Marco Vallora e Antonio Ria comprendenteuna diecina di quadri inediti di Lalla Romano, realizzati tra Cuneo e Boves.

 

Al Filatoio di Caraglio le opere di Luigi Mainolfi raccontano la pelle della terra

Sabato 13 settembre alle ore 17, presso il Filatoio di Caraglio (via Matteotti, 40), avrà luogo l'inaugurazione de "La pelle della terra. Luigi Mainolfi. Opere dal 1969 al 2014", mostra a cura di Alessandro Carrer e Marisa Vescovo. L'evento è promosso dall'associazione culturale Marcovaldo, con il sostegno della Regione Piemonte, della Compagnia di San Paolo e della Fondazione Cassa di Risparmio di Cuneo, il contributo del Comune di Caraglio e della Fondazione Il Filatoio. L'esposizione resterà aperta al pubblico fino al 16 novembre dal giovedì al sabato dalle ore 14,30 alle 19, la domenica e i festivi dalle 10 alle 19. Sono previste aperture su prenotazione per scuole e gruppi. Per maggiori informazioni telefonare allo 0171/618260 o visitare il sito Internet www.marcovaldo.it.

 

A Masio inaugurazione di un nuovo sentiero naturalistico

Domenica 14 settembre, a Masio, verrà inaugurato un nuovo sentiero naturalistico dal Tanaro alle colline dei vigneti UNESCO, camminando lungo duemila anni di storia.
Di seguito il programma:
ore 16.45 ritrovo presso la Torre Medievale
ore 17.00 partenza camminata con l'assistenza delle guide specializzate dell'Associazione Monferrato Outdoor (tempo due ore e mezza). Tappa alla cantina Buonaria per un assaggio della Barbera locale. Rientro alla Torre
ore 20.00 Apericena (costo 7 euro)
ore 20.30 intrattenimento con musica dal vivo
Per maggiori info 0131 799131

 

GARE NAZIONALI DI AGILITY E OBEDIENCE al Castello e Parco di Masino, Caravino (TO)

Sabato 13 e domenica 14 settembre 2014, dalle ore 9 alle 18, il Castello e Parco di Masino, splendido Bene del FAI - Fondo Ambiente Italiano a Caravino (TO), ospiterà una grande festa all'aria aperta in compagnia dei migliori amici dell'uomo, all'insegna della natura e del divertimento.
Il Centro cinofilo Idefix in collaborazione con il Gruppo canavesano "Il Castello" di Ivrea ha infatti deciso, dopo il successo delle passate edizioni, di confermare questa suggestiva location per organizzare alcune prove di abilità cinofile a carattere nazionale.
Una manifestazione dedicata interamente ai cani, ai loro padroni e a tutti gli appassionati di questi bellissimi animali: a partire dalla mattina di sabato, si alterneranno gare di Agility, che metteranno alla prova l'intesa di numerose coppie cane-conduttore impegnate in percorsi a ostacoli di diversa difficoltà, ad altrettanto avvincenti gare di Obedience, che valuteranno la sintonia e la precisione nei movimenti delle coppie stesse.
Nella giornata di domenica è prevista inoltre una dimostrazione di Coursing per Levrieri nella parte alta del Parco.
Nel Parco del Castello sarà allestito un servizio bar e uno stand gastronomico e saranno presenti diversi rivenditori di prodotti per l'alimentazione e la cura del cane.
Durante la manifestazione sarà inoltre possibile effettuare visite guidate agli interni riccamente arredati del Castello, a cura degli studenti e dei docenti dell'Istituto di Istruzione Superiore "Piero Martinetti" di Caluso.
Tutti i cani presenti alla manifestazione dovranno essere muniti di libretto sanitario,
mentre i cani non partecipanti al concorso dovranno essere tenuti rigorosamente al guinzaglio
La manifestazione è aperta al pubblico dalle ore 9 alle 18 (ultimo ingresso alle ore 17). Ingresso dei cani iscritti alle gare a partire dalle ore 8.
Per informazioni sulla manifestazione e sul Castello di Masino rivolgersi a:
FAI - Castello e Parco di Masino, Caravino (TO): tel. 0125/7788100; e-mail: faimasino@fondoambiente.it.
Oppure:
info@gruppocinofilocanavesano.it - gruppo.cinofilo.canavesano.ivrea@gmail.com

 

L'opera " Kami Mandyet " di Amerigo Mariotti e Ignazio Mazzeo approdata nel giardino di Palazzo La Marmora

Esposta nel 2012 a Senigallia e nella primavera 2014 a Biella presso BI-BOx Art Space, è ora approdata nel giardino di Palazzo La Marmora a Biella Piazzo, con la curatela di BI-Box l'opera " Kami Mandyet " di Amerigo Mariotti e Ignazio Mazzeo.
Si tratta di una scultura che ha la forma di una barchetta di carta, ma a spiazzare sono le dimensioni e il materiale: lunga quasi tre metri e mezzo e realizzata interamente in ferro cromato.
La barchetta è priva del suo mare, sembra un oggetto giunto grazie ad un teletrasporto.
Il titolo Kami Mandyet unisce due parole che individuano altrettante caratteristiche peculiari dell'opera: la prima, sintetizzata dalla parola "Kami", che in giapponese vuol dire carta (ma anche Dei) e che insieme al verbo "Ori" (piegare) va a costituire la parola "Origami", sottolinea il referente primo di quest'idea installativa, l'origami appunto, scelto come tema principale per il suo valore giocoso che richiama all'infanzia e anche per la sua immediatezza nell' impatto visivo; Mandyet, cioè il mezzo che accompagnava il Dio Ra nel suo viaggio da oriente a occidente, dall'alba al tramonto. Gli egizi legavano concettualmente il sorgere e il tramontare del Sole al ciclo della vita e della morte, sperando in una resurrezione. Dunque Mandyet è la barca della rinascita, come l'inizio di un nuovo percorso.
L'istallazione artistica di Marriotti-Mazzeo invita il visitatore di Palazzo La Marmora in un viaggio sulla rotta del tempo per scoprire la storia della famiglia La Marmora.
Palazzo La Marmora e il suo giardino rinascimentale sono aperti tutte le domeniche fino al 12 ottobre con orario 10.00-13.00 e 14.00-18.00.

 

Prosit! Il castello, il Barolo e i suoi cru.

Venerdì 5-12-19 settembre 2014 - Castello di Serralunga d'Alba
Un antico maniero, il tramonto sulle montagne e le colline di Langa e un calice di Barolo. Prosit!, a Serralunga d'Alba si brinda in tre serate di degustazione dedicate ai Cru del Re dei vini. I primi venerdì di settembre (5, 12 e 19), alle 19 e alle 20, tour inediti accompagneranno i partecipanti alla scoperta delle sale del castello medievale, del territorio e dei suoi vini in modo originale e coinvolgente.
In collina l'estate lascia lentamente il passo all'arrivo dell'autunno e dei suoi colori e tra i filari i contadini si attardano fino a sera per i primi lavori della vendemmia. A Serralunga il Barolo trova terreni particolarmente vocati, con alcuni tra i migliori e più storici Cru dell'intera zona di produzione. E il castello trecentesco ha un legame fortissimo con il territorio che lo circonda.
Da questo binomio, la proposta delle tre serate, con una visita al maniero in cui scoprire aneddoti che riguardano lo storico e fondamentale ruolo nell'organizzazione rurale delle colline circostanti e la degustazione narrata di due calici di Barolo e un Moscato al terzo piano del castello, dove la vista mozzafiato e la guida di un esperto permetteranno di individuare proprio i vigneti da cui i vini assaggiati sono prodotti.
Il tutto, oltre il consueto orario di apertura, in compagnia di una guida turistica esperta di enologia che racconterà ai presenti aneddoti e curiosità sui vini in degustazione, proposti dai produttori della Bottega del Vino di Serralunga.
INFO E COSTI
La durata della visita e della degustazione è di circa un'ora
Costo 15 euro
Possessori della carta musei 10 euro
Per info e prenotazioni (fortemente consigliate perché gli appuntamenti sono a numero chiuso, max 25 persone ad appuntamento)
www.castellodiserralunga.it
tel. 0173.613358

 

Per conoscere le strutture in dettaglio, per informazioni sugli orari, turni di visita e costi dei biglietti consultare il sito: www.castelliaperti.it o scrivere a segreteria@castelliaperti.it

 

Seguiteci anche sui nostri profili social per essere sempre aggiornati su eventi, iniziative e tutto quello che riguarda la manifestazione: ci trovate su Twitter, su Facebook e sul nostro blog: www.castelliapertiblog.it

 

 

 




 
News | Archivio
Si conclude Castelli Aperti 2016... arrivederci al prossimo anno!!

Si conclude Castelli Aperti 2016... arrivederci al prossimo anno!!

Domenica 30 ottobre arriva alla conclusione un'altra stagione di Castelli Aperti... Ultima domenica per visitare le più affascinanti dimore storiche piemontesi

Gli Incantesimi di Emanuele Luzzati a Caraglio

Gli Incantesimi di Emanuele Luzzati a Caraglio

La Fondazione Filatoio Rosso di Caraglio (CN) presenta la mostra dedicata allo scenografo e illustratore, allestita fino al 26 febbraio 2017

 
 

Castelli Aperti 2014 - P.Iva 22458912647758 - Powered by Blulab