Castelli Aperti
 

 

Gli appuntamenti della settimana del 5 ottobre


Domenica 5 ottobre apertura straordinaria del Castello di Redabue a Masio

Domenica 5 ottobre, in provincia di Alessandria, imperdibile è l'apertura straordinaria del Castello di Redabue a Masio, solitamente visitabile solo su appuntamento e disponibile per eventi privati.
La dimora storica è di origine medievale. La strategica posizione del feudo, deputato al controllo della media valle del Tanaro, si risolse in uno svantaggio, per le ripetute devastazioni e demolizioni cui andò incontro nel corso dei secoli. Nel ‘700, estesi lavori di restauro ripristinarono la primitiva struttura del fabbricato. Attualmente, nel suo interno, rimangono a testimonianza delle sue origini antiche alcuni archi di tufo alternati a mattoni databili intorno al XIII sec., le piombatoie sulla facciata principale, la torre cilindrica merlata ed una torre quadrata scostata dal corpo principale.
Da documenti di archivio, il feudo detto di redabo', venne venduto ai conti Scarampi, nel 1445, che ne mantennero la proprietà fino alla fine del XVIII sec. quando la proprietà passò alla famiglia Della Rovere.
Dal 1830 il castello e tutta la tenuta venne acquistata dai Marchesi Doria Lamba, attuali proprietari, che qui posero la loro dimora estiva.
LE ALTRE APERTURE DI CASTELLI APERTI DI DOMENICA 5 ottobre IN PROVINCIA DI ALESSANDRIA
CASTELLO DI ROCCA GRIMALDA ore 15.00 - 18.00
CASTELLO DI MORSASCO turni orari ore 11, 15, 16, 17
CASTELLO DI LAJONE A QUATTORDIO ore 10.00 - 13.00
CASTELLO DI PIOVERA unico turno di ingresso ore 15,30
CASTELLO DI ORSARA BORMIDA ore 15.30 - 18.30
CASTELLO DI POZZOLO FORMIGARO ore 15.00-18.30
CASTELLO DI UVIGLIE A ROSIGNANO MONFERRATO ore 10.30; visita guidata e previo appuntamento
CASTELLO DI TRISOBBIO ore 10.00 - 13.00: 15.00 - 19.00; visita librea
MUSEO CIVICO E ARCHEOLOGICO AD ACQUI TERME ore 11.00-13.30 e 15.30-17.30 visite libere
MUSEO LA TORRE E IL FIUME A MASIO ore 15.00-18.30; visite libere
VILLA LA SCRIVANA A VALMADONNA 15.00-17.30; visita libera del parco e cappella

 

Domenica 5 ottobre visitabile il castello di Monastero Bormida

Domenica 5 ottobre, in provincia di Asti, Castelli Aperti consiglia la scoperta del castello di Monastero Bormida.
La visita guidata (ogni ora dalle 15 alle 18) inizia percorrendo il perimetro esterno del Castello per comprendere la collocazione e la storia della struttura nei secoli. Quindi si entra all'interno, nei piani nobili, le cui stanze, trasformate nel XVII secolo presentano pavimenti a mosaico e soffitti a vela e a crociera affrescati a motivi floreali e geometrici. La visita prosegue con i camminamenti sulla cima e si conclude nelle spaziose cantine.
Nei locali del sottotetto del castello è inoltre visitabile la mostra Il Monferrato. 500 anni di arte, i grandi artisti di un piccolo Stato fino al 26 ottobre.

 

Domenica 5 ottobre un giro nel saluzzese alla scoperta delle più belle dimore storiche

Domenica 5 ottobre, in provincia di Cuneo, Castelli Aperti consiglia un itinerario nel saluzzese, territorio ricco di storia e cultura e quindi ricco di dimore storiche e affascinanti architetture.
Fiore all'occhiello è il castello della Manta (dalle 10.00 alle 17.00; ingresso 6 euro), che, dalle ore 10 alle ore 17, sarà teatro della seconda edizione di "C'era una volta... un mondo così!", una giornata speciale alla scoperta della cultura popolare e dei prodotti di eccellenza delle Alpi, con momenti di musica e narrazione teatrale. Per ulteriori informazioni rivolgersi a:
FAI - Castello della Manta (Cuneo): tel. 0175/87822; e-mail: faimanta@fondoambiente.it.
A Lagnasco sono visitabili gli affascinanti castelli Tapparelli d'Azeglio (dalle 9,30 alle 12.30 e dalle 14,30 alle 18,30; ingresso 5 euro), tre diversi edifici, conosciuti come il castello di Levante, di Mezzo e di Ponente. Intorno al 1100 fu costruito un primo fortilizio, per volere dei marchesi di Busca, ampliato nel ‘300 da Manfredo IV di Saluzzo. Il feudo pervenne successivamente ai Tapparelli, avi di Massimo d'Azeglio scrittore e ministro di Carlo Alberto. Nel ‘500 furono eseguiti lavori di abbellimento e decorazioni, che conferirono caratteri di elegante dimora residenziale. Gli interni sono raffinati esempi di manierismo piemontese.
A Costigliole Saluzzo imperdibile la visita a Palazzo Sarriod La Tour riaperto al pubblico dopo il recente restauro e oggi sede del nuovo Centro Michele Berra per l'arte del '900. Nelle sale del palazzo si può visitare ancora fino al 12 ottobre (il sabato dalle ore 14,30 alle 19, la domenica e i festivi dalle 10 alle 19) la mostra a cura di Ivana Mulatero Arte e Resistenza, disegni di guerra e di prigionia di Luigi Carluccio e di Renzo Biasion, in dialogo con una selezione di dipinti dal fondo del Consiglio Regionale del Piemonte.
Infine, si consiglia una passeggiata nei giardini di Villa Bricherasio a Saluzzo (dalle 9.30 alle 12.30; dalle 14.30 alle 19.00; ingresso 5 euro) 12.000 mq di parco frutto della passione ed estro di Domenico Montevecchi, frutticoltore saluzzese. I giardini sono suddivisi in tre distinte zone fitoclimatiche: mediterranea, temperata fredda e continentale. L'aspetto è quello del "giardino informale inglese", in cui il passeggiare offre scorci di paesaggio e architetture vegetali ardite. I pergolati di rose e i roseti fanno capolino nel giardino. Notevole è la collezione di camelie che cedono il passo alle ortensie.
LE ALTRE APERTURE DI CASTELLI APERTI DI DOMENICA 5 ottobre IN PROVINCIA DI CUNEO
CASTELLO DI SANFRE' ore 14.00 - 19.00
CASTELLO DI GOVONE ore 10.00 - 12.00; 15.00 - 18.00
CASTELLO DI MONTICELLO ore 10.00 - 12.00; 14.30 - 18.30
CASTELLO DEL ROCCOLO DI BUSCA ore 14.30 - 19.00
CASTELLO REALE DI RACCONIGI: ore 9.00 - 19.30
CASTELLO DI SALICETO visite guidate ore 15.00 e 16.30
CASTELLO DI SERRALUNGA: ore 11.0-13.00; 14.00-18.00 - Ultima visita ore 17.15.
FORTE ALBERTINO DI VINADIO ore 14.30 - 19.00
MUSEO CIVICO LUIGI MALLE' DI DRONERO ore 14.30 - 19.00
IL FILATOIO DI CARAGLIO ore 10.00 - 19.00
BORGATA MUSEO BALMA BOVES ore 14.30 - 18.30
SISTEMA URBANO INTEGRATO DI MONDOVI'
TORRE CIVICA DEL BELVEDERE ore 15.00-18.00
MUSEO CIVICO DELLA STAMPA ore 15.00-18.00
MUSEO DELLA CERAMICA ore 10.00-18.00
CIRCUITO DI VISITA DI SAVIGLIANO
MUSEO CIVICO A.OLMO E GIPSOTECA D. CALANDRA: ore 10.00-13.00; 15.00-18.30
TORRE CIVICA: ore 10.00-12.30; 14.30-18.30. Per la visita rivolgersi all'Ufficio Turistico.
PALAZZO TAFFINI D'ACCEGLIO: ore 10.00-12.30; 14.30-18.30. Per la visita rivolgersi all'Ufficio Turistico.
SISTEMA MUSEALE URBANO DI BRA:
MUSEO CIVICO CRAVERI: ore 10.00-12,30; 15.00-18.00
MUSEO CIVICO DI PALAZZO TRAVERSA: ore 10.00-12,30; 15.00-18.00
MUSEO DEL GIOCATTOLO: ore 10,00-12,30; 15,00-18,30

 

Al castello di MORSASCO è tempo di musica

"La musica è il luogo privilegiato dell'emozione, la forma d'arte che più di ogni altra riesce a suscitarla direttamente, prima di ogni altra mediazione linguistica. Questa sua capacità risiede nel fatto che la sua forza espressiva, di per sé, possiede una carattere fascinatorio che agisce direttamente sull'anima dell'ascoltatore". Così inizia il "Valore universale della musica", il piccolo e prezioso saggio di Antonio Osnato Troiano, già sostituto procuratore di Palermo. Il libro sarà presentato sabato 4 ottobre alle 16.30 al castello di Morsasco con l'accompagnamento musicale a cura del Conservatorio Antonio Vivaldi di Alessandria.
Chi non è mai stato affascinato, sedotto dal linguaggio musicale? Antonio Osnato, che è anche poeta, ha indagato l'anima profonda del rapporto tra la musica e l'ascoltatore. È da questa relazione, da questo dialogo tra l'ascoltatore e il linguaggio universale della musica che nascono le emozioni profonde. "La musica è universale perché - come scrive l'autore - non richiede codici culturali per essere compresa ed il musicista ha la capacità di trascendere il contingente, di dare corpo al trascendente. Il suono si ferma in uno spazio, ma si consuma con il tempo, vive nel tempo ed è solo la partecipazione umana che rende possibile l'esecuzione tra chi suona e che ascolta". Intense parole quelle di Antonio Osnato, riflessioni che verranno proposte in dialogo con il Maestro De Cicco, affermato musicista, compositore e ricercatore nel campo pedagogico e musicologico con importanti partecipazioni a convegni internazionali. Sarà un momento dedicato all'ascolto, al senso del nostro ascoltare, alla riflessione di come la musica sia vibrazione ma così pure il nostro esistere sia fatto nella medesima sostanza. Il pomeriggio sarà animato anche da personaggi che hanno fatto la storia della musica, non solo musicisti stessi come Beethoven, Litz, Mendelssohn ma anche Pitagora, Omero, Platone, Aristotele, Leibniz, Marsilio Ficino, Heine saranno l'oggetto del conversare.
Il racconto sarà accompagnato dalle note dei violoncelli di Eugenio Catale e Margherita Succio allievi del prof. Claudio Merlo del Conservatorio Antonio Vivaldi di Alessandria che eseguiranno due sonate di Benedetto Marcello e la prima Suite per violoncello solo di Bach.
L'iniziativa è nell'ambito delle attività di Castelli Aperti con la collaborazione del Conservatorio Antonio Vivaldi e la Provincia di Alessandria.
Per informazioni tel. +3903343769833; www.castelliaperti.it

 

Polvere di stelle' porta a Mondovì la ceramica contemporanea internazionale

Prosegue a Mondovì, presso il Museo della Ceramica  (Palazzo Fauzone di Germagnano in piazza Maggiore 1) la mostra, promossa dal Comune di Mondovì, "Polvere di stelle. La ceramica contemporanea di Céleste Boursier-Mougenot e Matteo Rubbi" a cura di Chiara Bertola, Giacinto Di Pietrantonio e Christiana Fissore. L'esposizione, organizzata dall'Associazione Culturale Marcovaldo e dalla Fondazione Museo della Ceramica Vecchia Mondovì, è l'evento culturale di maggior rilievo del progetto "Ceramicarte", di cui il Comune di Mondovì è capofila in partenariato con il Comune francese di Moustiers Sainte Marie. Tutte le attività di "Ceramicarte", volte alla valorizzazione della ceramica, sono attuate con il sostegno dell'Unione Europea (FESR - Fondo Europeo di Sviluppo Regionale) e della Regione Piemonte nell'ambito del programma "Alcotra". L'esposizione resterà aperta fino al 28 dicembre il venerdì e sabato dalle ore 15 alle 18, la domenica dalle 10 alle 18. Per maggiori informazioni telefonare al numero 0174/40389 o scrivere a turistico@comune.mondovi.cn.it o direzione@museoceramicamondovi.it.

 

Emozioni POP ART al Castello di Rocca de' Baldi - personale di Riccardo Balestra

Prosegue al Castello di Rocca De' Baldi COLORED PROFILES, la personale dedicata a Riccardo Balestra.
Dopo un lungo cammino nell'ambito della pittura figurativa e del paesaggio, che pure continua a sviluppare, l'artista si è dedicato all'esplorazione della figura femminile, di cui rappresenta l'eleganza e l'espressività attraverso forma e colore, prerogative dell'analisi POP.
Balestra predilige infatti lo studio della figura umana, in particolare gli occhi e il viso, per scoprirne il vissuto, la personalità e il carattere, e per scavare laddove si nascondono gioie e dolori, paure ed emozioni.
La donna viene così enfatizzata da un'eleganza e da un'espressività remote, prive della caratterizzazione tradizionalmente comunicata dagli stereotipi e dai media. Un risultato ottenuto grazie ad una specifica ricerca cromatica ed espressiva, che trova il suo strumento più efficace nella scelta della tecnica ad olio e dei suoi colori accesi e impattanti.
È così che all'artista è consentito spingersi verso una ricerca introspettiva e psicologica, concentrata su una visione ravvicinata dei volti femminili, dai quali emana un inquietante fascino glamour.
La mostra è visitabile fino al 12 ottobre 2014
Ingresso: € 2,50 - Gratuito per i visitatori del Castello e del Museo Etnografico "Augusto Doro"

 

Al Filatoio di Caraglio le opere di Luigi Mainolfi raccontano la pelle della terra

Prosegue presso il Filatoio di Caraglio (via Matteotti, 40), "La pelle della terra. Luigi Mainolfi. Opere dal 1969 al 2014", mostra a cura di Alessandro Carrer e Marisa Vescovo. L'evento è promosso dall'associazione culturale Marcovaldo, con il sostegno della Regione Piemonte, della Compagnia di San Paolo e della Fondazione Cassa di Risparmio di Cuneo, il contributo del Comune di Caraglio e della Fondazione Il Filatoio. L'esposizione resterà aperta al pubblico fino al 16 novembre dal giovedì al sabato dalle ore 14,30 alle 19, la domenica e i festivi dalle 10 alle 19. Sono previste aperture su prenotazione per scuole e gruppi. Per maggiori informazioni telefonare allo 0171/618260 o visitare il sito Internet www.marcovaldo.it.

 

L'opera " Kami Mandyet " di Amerigo Mariotti e Ignazio Mazzeo approdata nel giardino di Palazzo La Marmora

Esposta nel 2012 a Senigallia e nella primavera 2014 a Biella presso BI-BOx Art Space, è ora approdata nel giardino di Palazzo La Marmora a Biella Piazzo, con la curatela di BI-Box l'opera " Kami Mandyet " di Amerigo Mariotti e Ignazio Mazzeo.
Si tratta di una scultura che ha la forma di una barchetta di carta, ma a spiazzare sono le dimensioni e il materiale: lunga quasi tre metri e mezzo e realizzata interamente in ferro cromato.
La barchetta è priva del suo mare, sembra un oggetto giunto grazie ad un teletrasporto.
Il titolo Kami Mandyet unisce due parole che individuano altrettante caratteristiche peculiari dell'opera: la prima, sintetizzata dalla parola "Kami", che in giapponese vuol dire carta (ma anche Dei) e che insieme al verbo "Ori" (piegare) va a costituire la parola "Origami", sottolinea il referente primo di quest'idea installativa, l'origami appunto, scelto come tema principale per il suo valore giocoso che richiama all'infanzia e anche per la sua immediatezza nell' impatto visivo; Mandyet, cioè il mezzo che accompagnava il Dio Ra nel suo viaggio da oriente a occidente, dall'alba al tramonto. Gli egizi legavano concettualmente il sorgere e il tramontare del Sole al ciclo della vita e della morte, sperando in una resurrezione. Dunque Mandyet è la barca della rinascita, come l'inizio di un nuovo percorso.
L'istallazione artistica di Marriotti-Mazzeo invita il visitatore di Palazzo La Marmora in un viaggio sulla rotta del tempo per scoprire la storia della famiglia La Marmora.
Palazzo La Marmora e il suo giardino rinascimentale sono aperti tutte le domeniche fino al 12 ottobre con orario 10.00-13.00 e 14.00-18.00.

 

Per conoscere le strutture in dettaglio, per informazioni sugli orari, turni di visita e costi dei biglietti consultare il sito: www.castelliaperti.it o scrivere a segreteria@castelliaperti.it

 

Seguiteci anche sui nostri profili social per essere sempre aggiornati su eventi, iniziative e tutto quello che riguarda la manifestazione: ci trovate su Twitter, su Facebook e sul nostro blog: www.castelliapertiblog.it

 

 

 




 
News | Archivio
Si conclude Castelli Aperti 2016... arrivederci al prossimo anno!!

Si conclude Castelli Aperti 2016... arrivederci al prossimo anno!!

Domenica 30 ottobre arriva alla conclusione un'altra stagione di Castelli Aperti... Ultima domenica per visitare le più affascinanti dimore storiche piemontesi

Gli Incantesimi di Emanuele Luzzati a Caraglio

Gli Incantesimi di Emanuele Luzzati a Caraglio

La Fondazione Filatoio Rosso di Caraglio (CN) presenta la mostra dedicata allo scenografo e illustratore, allestita fino al 26 febbraio 2017

 
 

Castelli Aperti 2014 - P.Iva 22458912647758 - Powered by Blulab