Castelli

Tenuta e Castello Alfieri di Sostegno a San Martino

Prenota una visita

Castelli

Tenuta e Castello Alfieri di Sostegno a San Martino

Dal secolo XIV il territorio di San Martino Alfieri apparteneva alla famiglia Solaro, nobili astigiani di primaria importanza e signori del vicino Govone. La loro signoria fu incontrastata sotto il passaggio dei marchesi del Monferrato, dei Visconti e degli Orléans ma terminò nel 1615, per ordine di Carlo Emanuele I di Savoia, quando il luogo passò agli Alfieri di Magliano.
Carlo Antonio Massimiliano Alfieri nel 1696 diede inizio alla riedificazione del castello che sostituì la fortezza medievale. L'opera, in stile Barocco, fu compiuta nel 1721 su disegno di Ignazio Bertola, Primo Ingegnere di Sua Maestà, che vi seppe creare una splendida dimora, senza eccessi, dalle linee semplici e ben inserita nel paesaggio circostante. La facciata monumentale mostra due grandi corpi laterali leggermente avanzati.
Di fronte alla residenza, nel 1720 venne costruita l’Orangerie, giardino d’inverno della famiglia, decorata da maestri lombardi con delicati stucchi.
Il figlio di Carlo Antonio, Cesare Giustiniano divenne, per acquisto, marchese di Sostegno, titolo che ereditarono i suoi successori.
Nel 1815 il marchese Carlo Emanuele incaricò Xavier Kurten, architetto paesaggista tedesco, di trasformare il giardino formale in un parco secondo il nuovo gusto romantico all’inglese. Egli ampliò il parco avvalendosi della collaborazione dell’architetto Melano al quale si deve anche un'ulteriore modifica del castello intorno al 1820, la sistemazione urbanistica del borgo e il progetto della chiesa parrocchiale di San Carlo e Santa Maria, in stile neoclassico. Kurten eseguì a San Martino il suo primo lavoro ma divenne ben presto il primo giardiniere della corte sabauda.
All’interno si possono ammirare molti arredi originali e ricordi della famiglia marchionale: busti e ritratti ci raccontano la storia degli Alfieri e dei celebri personaggi con cui ebbero rapporti di parentela, di amicizia, di affari. Un esempio fra i molti è Roberto d'Azeglio, fratello di Massimo, che sposò la marchesa Costanza Alfieri.
Il parco è oggi l’ideale per una passeggiata alla scoperta di siepi sagomate ad arte e sentieri che si perdono sulla collina. Venire qui è come avere le chiavi di un giardino segreto, creato per rilassarsi all’ombra di vecchi cedri, tigli, querce e di una immensa quercia monumentale, proprio dove si incontrano i territori di Monferrato, Langhe e Roero.

Caratteristiche della visita

La visita prevista per Castelli Aperti è una visita storica che comprende il parco storico all'inglese, l'orangerie Barocca, le sale di rappresentanza del castello normalmente chiuse al pubblico e le antiche cucine. Sono escluse le cantine di fermentazione ed una parte delle cantine di affinamento. La visita si conclude con la degustazione di uno dei vini più celebri dell'azienda, la Barbera d'Asti docg La Tota.

Curiosità

La famiglia Alfieri aveva scelto San Martino non solo come splendido luogo di soggiorno, ma anche come luogo su cui investire le proprie ricchezze. Secondo un osservatore ottocentesco, gli Alfieri “spesero somme innumerevoli” in una grandiosa riorganizzazione signorile del territorio, completa di canalizzazioni, grandi opere d’ingegneria e innovazioni agronomiche. Per quanto riguarda la campagna, il primo interesse della famiglia era la viticoltura, che già a fine Settecento occupava una superficie coltivabile più che doppia rispetto ai cereali. La cura delle vigne suscitava ammirazione negli osservatori coevi: “coltivate con attenzione, [...] vi regna, direi così un lusso nell’impalamento, tanto esse sono corredate di grossi pali scalavi e pertiche”; il risultato erano “ottimi vini”, in parte destinati all’esportazione. Nel 1863 il paese prende il nome di San Martino al Tanaro, poi alla fine del secolo modificato in San Martino Alfieri, in omaggio alla famiglia Alfieri che tanto era importante per questo territorio.

Servizi

Locanda Alfieri e Cascina Margherita
La Locanda è una dimora diffusa con 7 camere
Cascina La Margherita è una casa vacanze con 4 camere.

Ai piedi del castello un borgo settecentesco restaurato con cura ospita un piccolo albergo diffuso costituito da sette camere e da una cascina all’interno del parco storico.
Per appassionati enoturisti è possibile visitare il parco, l’Orangerie barocca e le antiche cantine, concludendo con la degustazione guidata dei vini più rappresentativi dell’azienda.

Cantina Marchesi Alfieri: aperta a visite e degustazioni.

Eventi

5 giugno: “Appuntamento in giardino” alle ore 10 sarà tenuta una lezione di yoga sotto la quercia secolare e, a seguire, la visita al parco storico ed ai suoi antichi progetti, degustazione del metodo classico Blanc de Noir Marchesi Alfieri accompagnato da frutta fresca;

luglio: mostra fotografica di Enzo Isaia, da titolo "Vite Notturne", allestita nelle cantine

17-18 luglio: Sbarbatelle con l’organizzazione dell’Associazione Italiana Sommelier- delegazione di Asti, dedicato a giovani produttrici di vino sotto i 35 anni provenienti da tutta Italia. Ci sarà la possibilità di assaggiare i vini delle aziende partecipanti, musica nel parco, angolo food di qualità, mostre d’arte e workshop sul tema del territorio vitivinicolo.

Indietro

2021

1 maggio, 16 maggio, 6 giugno, 4 luglio, 5 settembre, 3 ottobre, 7 novembre, 8 dicembre.

La dimora aderisce alla Giornata dei Castelli Aperti: domenica 16 maggio.

Aperto nelle festività: 1 maggio Festa del Lavoro, 8 dicembre Immacolata

h. 11.00, h.14.00 e h.16.00

Visita guidata in italiano; disponibile in lingua inglese.
Visita guidata dalla proprietà su richiesta.

Intero € 20, ridotto € 15 (bambini e ragazzi dai 12 ai 18 anni; over 65), gratuito per bambini fino a 12 anni
Aperto su prenotazione per gruppi (min. 6 persone)
Scuole non ammesse

Logo Castelli Aperti