"I Disegni salvati di Franco Garelli" a Rosignano Monferrato

"Nel corso di questi ultimi anni - spiega il Sindaco Cesare Chiesa - l'Amministrazione Comunale di Rosignano Monferrato ha molto "investito" sul tema della valorizzazione del proprio Territorio e del Monferrato più in generale, sia dal punto di vista ambientale e paesaggistico che dal punto di vista culturale, storico ed artistico" .

Partendo da questo assunto, Rosignano si appresta a vivere un evento artistico di grande valore culturale e di visibilità : il primo di una serie di appuntamenti che scandiranno i prossimi mesi e si protrarranno con un calendario di massima già predefinito sino alla prossima primavera, utilizzando al meglio i diversi "contenitori" espositivi di cui si è arricchito in questi ultimi anni il Comune delle "tre rose".

"In questa cornice di rinnovato fervore culturale e progettuale, l'opportunità offertaci dall'arch. Giuse Scalva e dal dr. Claudio Bertolotto di accogliere a Rosignano Monferrato la Mostra dedicata ai "disegni salvati" di Franco Garelli - artista di grande fama, legato al territorio di Alba, con cui condividiamo il citato riconoscimento Unesco - non poteva che vederci entusiasti e grati.
Tanto piu' che sappiamo che la redazione del Catalogo che viene riproposto anche per la mostra di Rosignano, e' stato uno degli ultimi impegni lavorativi della compianta giovane Amica Elena Marchis a cui ci univa l'amore per questi Luoghi" commenta ancora il sindaco Chiesa.

Ecco dunque l'idea della Mostra - che rappresenta una assoluta anteprima per il Monferrato - dei "Disegni salvati di Franco Garelli": essa aprirà i battenti presso gli spazi espositivi dei "Saloni Morano" il prossimo sabato 3 luglio nel centro storico di Rosignano, con un brindisi inaugurale alla ore 10,30 e con la presenza di diversi esponenti del mondo culturale piemontese oltre che i curatori dell'Evento che illustreranno ai presenti le numerose opere esposte.

La mostra, che impegnerà i Saloni Morano nel corso dell'Estate, e' dedicata a Franco Garelli (Diano d’Alba 1909 – Torino 1973): un artista piemontese che ebbe un posto di grande rilievo nel panorama artistico italiano e internazionale, anche se è stato a lungo quasi dimenticato.
Garelli era originario delle Langhe, e rimase sempre legato alla sua terra, al pari di Cesare Pavese, suo compagno di studi a Torino al Liceo D'Azeglio e amico.
Seguendo le orme paterne divenne medico-chirurgo, ma fin da ragazzo rivelò la sua vocazione per l'arte, che seppe integrare con la professione medica, ponendo sempre l'uomo al centro del suo impegno di medico e di artista.
Dalla fine degli anni Quaranta del Novecento la sua ricerca figurativa fu profondamente influenzata da Picasso, che ebbe modo di incontrare a Vallauris, dove si recò con Lucio Fontana e Tullio d'Albisola per modellare delle sculture in ceramica.

In questa mostra saranno esposti oltre quaranta disegni di Franco Garelli, che documentano il percorso dell'artista dagli anni Trenta ai primi anni Sessanta del Novecento, quando un adolescente li salvò dal macero in una cartiera.
Alle opere figurative degli anni Trenta e Quaranta (immagini di New York, paesaggi africani, animali, autoritratti) fanno seguito negli anni Cinquanta i disegni “astratti”, in particolare i progetti per le sculture in ferro saldato che furono fra le creazioni più originali di Garelli (come la nota raffigurazione di “Ulisse”), e che ebbero nel fregio “Sinfonia” sulla facciata della RAI di Torino, realizzato nel 1968, un' ultima significativa espressione.

Le opere grafiche di Garelli saranno presentate nelle sale espositive "Saloni Morano" del Comune di Rosignano Monferrato a partire da sabato 3 luglio (i locali sono ubicati sotto il Teatro Ideal, nel centro storico di Rosignano) e saranno visibili fino a settembre. Ogni fine settimana (sabato e domenica ore 10-12,30 e 15-18) saranno realizzate visite da giovani volontari con partenza dall'Info Point comunale; sarà anche possibile la prenotazione infrasettimanale di gruppi, contattando gli Uffici Comunali o lo stesso Info Point, che renderà disponibile personale addetto.

La mostra sarà inoltre corredata da pannelli illustrativi, con testi e immagini che aiutino a rievocare la vita e le opere di questa affascinante figura di uomo e di artista.

Conclude il sindaco Chiesa : "La Mostra che andremo ad ammirare e a gustare, rappresenta un ulteriore tassello della volontà e dell'impegno della nostra Comunità locale di aprirsi al mondo che ci circonda e di offrire opportunità inedite per gustare il bello che e' intorno a noi" .

Logo Castelli Aperti