Pietro Morando - "Dal segno al racconto"

Il progetto della rassegna è nato lo scorso anno, in occasione del 40° anniversario della scomparsa di Morando; rimandato a causa della pandemia, finalmente è nel Secentesco palazzo delle mostre di Cherasco con un nutrito numero di quadri e un vivace percorso artistico da ammirare.

Si possono apprezzare circa novanta opere che narrano tutti i momenti del variegato itinerario pittorico dell’artista. Un viaggio che parte dagli anni della sua formazione per concludersi nel dopoguerra, quando Morando individua una sigla espressiva personale e riconoscibile.

La rassegna ha come punto di partenza gli esordi divisionisti, sulla scia dei maestri Morbelli e Pelizza, anch’essi alessandrini, a cui lo legavano l’interesse per gli umili e i diseredati. Dopo alcuni disegni futuristi realizzati nel periodo in cui era ospite di Morbelli a Milano, si prosegue con le drammatiche immagini dei disegni ispirati alla Prima Guerra Mondiale, alla quale ha partecipato come volontario nel corpo degli “Arditi”.
Seguono le opere del primo dopoguerra, quando Morando aderì al clima del “ritorno all’ordine” entrando in dialettica con le opere di Felice Casorati e dell’amico Carrà, che resterà un suo costante punto di riferimento, e con le sculture di Arturo Martini, massimi protagonisti di quella stagione. Influenzato dal “primitivismo neogiottesco” di Carrà, nella seconda metà degli anni ’20 elaborerà la famosa figura del Viandante.
E' documentata anche la fase del “primitivismo agreste”, fortemente radicata nella sua terra d’origine, con le famiglie contadine ritratte nella quiete idilliaca delle pause dal lavoro e i mercati monferrini del bestiame, o con i possenti contadini al lavoro, dipinti con toni di accorata partecipazione.
Infine sono esposti numerosi esempi della sua pittura del secondo dopoguerra, realizzati dopo la virata espressionistica e cubista che lo ha portato a deformare e a ingigantire le forme squadrate e spigolose come fossero intagliate nel legno. Periodo in cui, insieme alla riproposta di temi già trattati in precedenza, l’artista ha realizzato alcune opere significative dedicate ai luoghi più emblematici della natia Alessandria: alle sue piazze, alle sue strade e ai suoi palazzi, prive di presenze umane e immerse in un’immobile e silenziosa atmosfera metafisica.

La rassegna è accompagnata da un catalogo, a cura di Rino Tacchella e Cinzia Tesio, corredato da un saggio critico che ripercorre tutta la carriera di Morando, e da una ricca sequenza di immagini delle opere esposte.

LUOGO
Sale dello storico Palazzo Salmatoris di Cherasco
Via Vittorio Emanuele, 31 - 12062 Cherasco (CN)
PERIODO
Fino al 18 settembre 2022
ORARI
Mercoledì, giovedì e venerdì: 15.00 - 19.00
Sabato e domenica: 9.30 - 12.30 / 15.00 - 19.00
INFO
TEL. 0172 427050
MAIL ufficio.stampa@comune.cherasco.cn.it

CATALOGO IN MOSTRA

INGRESSO LIBERO

Logo Castelli Aperti