PROGETTO ULISSE 2020/2021 - Museo virtuale e Passeggiate narrative al castello di Miradolo

Dopo 2 anni di lavoro svolto quasi del tutto a distanza, gli studenti partecipanti tornano, con le dovute precauzioni e i necessari accorgimenti, ad accompagnarci e ad interpretare dal vivo le loro ideazioni.

Nello stesso pomeriggio il Castello di Miradolo accoglie gli studenti del liceo artistico dell’I.I.S. M. Buniva di Pinerolo che danno vita all’opera d’arte collettiva frutto del progetto “Tessendo Arte”.

PROGETTO ULISSE 2020/2021 – IL “MUSEO DELL'INFINITO” E LE PASSEGGIATE NARRATIVE DEL PARCO
Per la prima volta, quest’anno, il modulo IO CREO del Progetto Ulisse è stato declinato in due percorsi: un museo dell'Infinito e alcune passeggiate narrative.
Da una parte un museo virtuale dedicato quest'anno al tema dell’infinito: un itinerario “impossibile” in cui, attraverso finestre, porte e lucernai del Castello di Miradolo, entrare in “stanze immaginarie”, i “luoghi dell’infinito” degli studenti partecipanti. In questi spazi i ragazzi, singolarmente o in gruppo classe, hanno ideato e realizzato installazioni audio-video che raccontano la loro lettura dell’infinito. Per questo modulo del progetto la Fondazione Cosso e il progetto artistico Avant-dernière pensée hanno infatti scelto, in accordo con dirigenti e insegnanti, di coinvolgere i ragazzi non dal vivo ma in DAD, in un lavoro fin dall’inizio pensato e progettato con linguaggi digitali.
Gli elaborati spaziano da un labirinto di domande alla leggenda giapponese del filo rosso del destino (che unisce la anime destinate a ritrovarsi), dall’infinità delle scelte, da indagare grazie ad uno speciale cubo di Rubick, all’infinità del sentire degli esseri umani declinata in una galleria cromatica emozionale, dai frattali matematici che regolano l’infinito in natura ai “Paesaggi sonori” componibili dallo spettatore stesso e ad una performance musicale, che per l'occasione avrà luogo dal vivo, in cui la natura del parco del Castello diventerà strumento musicale.

Dall’altra parte, le passeggiate narrative: una serie di audioguide creative che si snodano attraverso il parco storico del Castello, pensate sia per adulti che per i più piccoli. I percorsi, ideati e realizzati dagli studenti, esplorano il parco sulla traccia di suggestioni diverse: fiabe e filastrocche, la grande poesia, la letteratura, il cinema. Così da visitare il parco con occhi nuovi, facendosi accompagnare da Shakespeare, Rimbaud, Alda Merini e Giorgio Caproni, Victor Hugo, Dante, Rodari, le favole di Peter Pan e Raperonzolo.

I contenuti virtuali, raggiungibili dal sito della Fondazione Cosso www.fondazionecosso.com, sono presentati sabato 18 settembre, dalle ore 15.00 alle 19.00, quando è possibile esplorare le stanze virtuali grazie al racconto degli studenti e per mezzo di totem multimediali allestiti con grandi monitor, ed essere condotti nel parco dalle classi che hanno sviluppato le passeggiate narrative che divengono le guide e i narratori.
Un momento di condivisione per riallacciare la riflessione virtuale con il luogo reale in cui si cala.

L'ingresso è gratuito con prenotazione obbligatoria allo 0121 502761 prenotazioni@fondazionecosso.it
Per ragioni di sicurezza i posti sono limitati.

Il Progetto Ulisse per l'a.s. 2020/2021 è stato realizzato grazie all'impegno della Fondazione Cosso e al sostegno di Fondazione CRT, con la direzione artistica di Roberto Galimberti per Avant-dernière pensée, e con la collaborazione di dirigenti e insegnanti. I professionisti di Avant-dernière pensée e della Fondazione Cosso hanno mantenuto vivo il dialogo con gli studenti, anche durante la DAD, per accompagnarli nella scoperta di sè, delle proprie capacità, di nuove forme espressive, attraverso le professioni dell'arte.
Hanno partecipato alla realizzazione del tour virtuale e delle passeggiate narrative gli Istituti di Istruzione Superiore: M. Buniva, M. Curie e G. F. Porporato.

Come funzionano il tour e le passeggiate?
Una piattaforma tecnologica di visita panoramica. Il tour ricostruisce digitalmente stanze neutre di un immaginario museo rendendole esplorabili in tre dimensioni (attraverso immagini a 360°) e interattive, così che sul proprio device si possano visionare video, foto, testi, audio e molto altro scelti o realizzati dagli studenti.
Ciascuna classe ha avuto il proprio spazio di racconto per esprimere una visione sul tema dell’infinito e, per farlo, ha realizzato testi, montaggi video, brani musicali.
Le passeggiate esplorano gli spazi del parco alla ricerca di suggestioni nuove mediate dal pensiero e dall’interpretazione dei ragazzi attraverso l’uso di musiche, suoni, testi letterari e poetici

Il “Progetto Ulisse” sa generare uno spazio inedito, virtuale, spazio di poiesi e di poesia che permette, per quanto digitale, di immergersi nel vivace e fertilissimo pensiero dei ragazzi, sempre capace di illuminare il quotidiano di una luce nuova. A dimostrazione che tutti i linguaggi possono diventare rappresentazioni simboliche di mondi, speranze, paure e, quindi, forieri di messaggi e racconti significativi.

Cos'è il Progetto Ulisse?
Ulisse è la proposta didattica ideata dalla Fondazione Cosso e dal progetto artistico Avant-dernière pensée per gli Istituti di Istruzione Superiore. Il progetto, giunto alla sua quinta edizione, è dedicato quest'anno al tema dell’infinito e si articola in due moduli distinti: “Io creo” e “Io mi oriento”.

Il modulo “Io creo” rappresenta uno spazio di espressione artistica, un percorso di approfondimento che pone al centro idee, riflessioni, punti di vista dei ragazzi sul tema scelto ogni anno. Dal 2020 il percorso si avvale dei linguaggi digitali, con la realizzazione di un tour virtuale nelle sale del Castello e nel parco.

Il modulo “Io mi oriento”, abbinabile al precedente, ha l'obiettivo di presentare agli studenti le professioni dell'arte e della cultura, in chiave di orientamento; il dialogo con professionisti del settore e lo sviluppo di un progetto pratico, condiviso con loro, svela ai partecipanti la complessità della azioni progettuali e le diverse fasi di lavoro.

Il "Progetto Ulisse" è anche un percorso formativo per i docenti, accreditato dal MIUR a livello regionale.

 Per maggiori informazioni: Segreteria Didattica Fondazione Cosso
didattica@fondazionecosso.it tel 0121 376545.

TESSENDO ARTE
Tessendo Arte è un progetto del Liceo Artistico dell’I.I.S. M. Buniva di Pinerolo, in collaborazione con la Fondazione Cosso.
Nell’ultimo anno scolastico gli studenti hanno realizzato oltre 250 opere, visibili on line alla pagina Instagram @TessendoArte, utilizzando tele di 20x20 cm, che il 18 settembre verranno cucite insieme per dare vita ad un’opera collettiva al Castello di Miradolo. La speranza è che questa narrazione continui ad accrescersi, condivisa con il territorio e con chiunque vorrà “aggiungere il suo pezzo di tela”. Un’opera senza fine, un piccolo messaggio personale, cucito sul filo passante che si sussegue a quello precedente e che anticipa il successivo.

Il Progetto è nato nell’a.s. 2020/2021 con l’obiettivo di coinvolgere gli studenti in questo momento particolarmente complesso anche per ciò che concerne la libertà d'azione, espressiva e creativa: partecipare con un contributo artistico ed emotivo a un’azione corale che racconti di una presenza, a tutt’oggi vitale e decisiva, seppur affaticata. Un dono che gli studenti si sono fatti, gli uni altri, che diventa anche simbolo di appartenenza al corso di studi scelto e segno di presenza, nonostante le difficoltà.

Ogni partecipante ha lavorato su una piccola tela da interpretare con un proprio segno creativo, gestuale, grafico, pittorico, fumettistico, astratto, figurativo, a colori o in bianco e nero con l’obiettivo di creare un’opera d’arte collettiva, di tessere connettendo ogni pezzo e che, per mezzo dell’intreccio, racconta la presenza, il filo che unisce comunque le classi, anche in modalità a distanza.

 

 

Logo Castelli Aperti