Palazzi

Palazzo Salmatoris di Cherasco

Palazzi

Palazzo Salmatoris di Cherasco

Costruito all’inizio del ‘600, più volte abbellito, ingrandito e rimaneggiato, il palazzo costituisce l’edificio di maggior prestigio storico della Città: qui fu firmata la pace del 1631, nelle sue sale fu deposta la Sindone, allontanata da Torino nel 1706, qui Napoleone Bonaparte impose l’armistizio del 1796 ai Piemontesi, le sue sale furono elette più volte ad abitazione dalla corte
Sabauda.
La famiglia Salmatoris si estinse nel 1822 e il palazzo fu alienato diverse volte fino a vederne installato un mulino (esposto oggi nella nuova parte restaurata). Palazzo Salmatoris è stato in parte acquisito negli anni ‘80 dalla Città di Cherasco: gli interventi di restauro lo hanno portato ad essere fruibile come sede di mostre. Ha ospitato dagli anni ‘90 mostre di arte contemporanea e moderna, come Picasso, De Pisis, Ligabue, Campigli, De Chirico, Guttuso, Morandi, da Picasso a Fontana, Chagall Mirò e Magritte, Casorati, Carrà, Sironi per citare solo i nomi maggiori.
È ora un importante centro culturale e sede di mostre d’arte di grande livello.
Sala Reviglio: all’interno del secentesco palazzo è stata dedicata al grande pittore cheraschese Romano Reviglio (1928- 2008) una mostra permanente.

 

Caratteristiche della visita

Quasi impossibile scindere la visita del Palazzo dalle importanti Mostre che vi ospita abitualmente. La sede espositiva prende tutto il piano nobile e prosegue nelle soffitte completamente ristrutturate. L'ampio scalone che da terra porta al piano nobile è in pietra, di epoca ottocentesca.

Visitabile anche la "saletta del silenzio" che è ormai conosciuta come "sala della Sindone".

Curiosità

MONUMENTI CITTADINI

La Chiesa di Sant'Agostino accanto all'Arco del Belvedere, costruito tra il 1647 e il 1688 per l'esenzione della peste del 1630; la Chiesa di San Pietro del XII - XIII secolo; la Chiesa di San Martino del XIII - XIV secolo; il Santuario della Madonna del Popolo; il Museo Giovanni Battista Adriani e il Museo naturalistico "G. Segre".

NEI DINTORNI

Bra; Alba; castelli delle Langhe e del Roero; complesso di Pollenzo, Università di Scienze Gatronomiche e Banca del Vino; cantine vinicole.

PRODOTTI TIPICI

Lumache (Cherasco è sede dell'Istituto Internazionale di Elicicoltura); i Baci di Cherasco, dolci di cioccolato e nocciole. I vini di Langa e Roero.

SPORT

Campo da golf, campi da tennis e Volley; Gruppo Sbandieratori di Cherasco. Attorno a Cherasco si snodano alcuni sentieri adatti per passeggiate e biclette, presso l'Ufficio Turistico sono disponibili le mappe.

I GRANDI MERCATI DI CHERASCO

I “Mercati di Cherasco” sono da quarant’anni un appuntamento immancabile per migliaia di collezionisti e appassionati, italiani e stranieri, che ogni anno tornano nella “Città delle Paci” per incontrare l’antiquariato di qualità e il collezionismo più ricercato. Dal 2019 i Grandi Mercati di Cherasco sono SEI, tutti con importanti numeri di partecipanti ed espositori qualificati: è la conferma dell’unicità della manifestazione, diventa ormai storica e di fama internazionale. In tutte le sei edizioni il visitatore potrà trovare dal mobile d’epoca alla cartolina rara, dalla stampa d’autore all’oggettistica più raffinata, dalla macchina da scrivere ai pizzi preziosi, dai vetri d’arte alle ceramiche e tutto il mondo del vintage.

Le date del 2022:

DOMENICA 10 APRILE – 118^ Edizione
DOMENICA 8 MAGGIO – 119^ Edizione
DOMENICA 5 GIUGNO – 120^ Edizione
DOMENICA 4 SETTEMBRE – 121^ Edizione
DOMENICA 2 OTTOBRE – 122^ Edizione
DOMENICA 4 DICEMBRE – 123^ Edizione

Servizi

Organizzazione mostre d'arte ed eventi culturali.

Possibilità di visite dedicate alle scuole, con approfondimenti didattici.

L'Ufficio Turistico del Comune di Cherasco è aperto tutti i giorni, offre un servizio di prenotazione di visite guidate del centro storico.

Eventi

19 febbraio – 15 maggio
Guido di Montezemolo (1878-1941)
“La poetica della pittura tra Verismo e Ritorno all’ordine”

28 maggio – 18 settembre
Pietro Morando
“Dal segno al racconto”

15 ottobre – 22 gennaio 2023
Joan Mirò
“Genius loci: l’alfabeto del segno e della materia”



Informazioni aggiuntive

Accessibile a visitatori con disabilità.

Ingresso consentito agli animali.

Indietro

2022

Aperture mercoledì, giovedì e venerdì 14.30-18.30, sabato e domenica 9.30-12.30 e 15.00-19.00

Aperto nelle festività: 1 maggio Festa del Lavoro, 2 giugno Festa della Repubblica, 15 agosto Ferragosto, 1 novembre Santi, 8 dicembre Immacolata, 6 gennaio Epifania.

Aperto su prenotazione per gruppi (min. 10 pers.)

Visita libera. Visita guidata su prenotazione.
Visita in inglese su prenotazione. 

Gratuito.

Logo Castelli Aperti