Castelli

Castello dei Torriani e dei Bandello - Palazzo Pretorio a Castelnuovo Scrivia

Castelli

Castello dei Torriani e dei Bandello - Palazzo Pretorio a Castelnuovo Scrivia

Palazzo Pretorio, anche detto dei Torriani e dei Bandello, risalente al XV sec., presenta un bel porticato ogivale con bifore e arengo. Al piano superiore due saloni con affreschi dei secoli XV e XVI. Il castello è dominato da una torre merlata, alta 39 metri, le cui strutture originarie risalgono alla fondazione di Castelnuovo. All’interno è situata la Biblioteca “Pier Angelo Soldini”.
La pianta, le strutture e i paramanti murari evidenziano le forme di un castrum duecentesco ricostruito sui resti di una struttura precedente, che potrebbe risalire all’epoca dei Goti di Teodorico. Nel XII secolo il manufatto doveva essere un blocco unico, diviso in tre oani e concluso oltre le falde del tetto da merli guelfi.; al primo piano tre saettiere a bocca di lupo, una sola visibile dall’estreno, danno all’edificio l’aspetto di una costruzione difensiva, ma che non può essere ritenuta esclusivamente tale, per la presenza sia di ampie aperture che di vasti saloni; elemnti questi che rimandano ad un’architettura di tipo civile di funzione pubblica.

Si ipotizza che l’edificio sia stato ricostruito e ampliato, insiema alla chiesa, tra il 1165 e il 1183, cioè nella fase di ricostruzione di Castelnuovo dopo la distruzione ad opera di un gruppo di pavesi.
Nello stesso periodo la torre fu elevata sin o alla quota di 23 metri e in seguito innalzata fino a 39.
Il castello venne ampliato ancora verso la piazza attorno al 1470, con la realizzazione dle loggiato aperto al piano terra e ampio salone luminoso al piano superiore; da questo momento diverse campagna pittoriche interessaron gli interni: rimangono ancora visibili alcuni stemmi viscontei e di Castelnuovo, finti fondali di stoffa, anche sulla parte attualmente inglobata nel sottotetto, un Sant’Ambrogio e un san Pietro e una Madonna n trono con bambino e angeli. La sala dell’arengo fu infine decoarta nel 1557 da Alessandro Berri, autore dell’Ultima Cena nella parrocchiale, che eseguì un fregio con le grottesche e lo stemma della casa D’Avalos.
L’edificio fu interessato da numerosi intervanti di restauro e consolidamento dall’ Ottocento ai giorni nostri.
In seguito ad un periodo di abbandono e uso improprio dei locali, negli anni Ottanta del Novencento l’ Amministrazione ha avviato diverse importatnti campagna di recupero e restauro dei cicli pittorici e dando nuova vita ai locali del pianterreno, dove ora ha sede la Biblioteca Comunale “Pier Angelo Soldini”, e alle sontuose sale del primo piano che ospitano eventi, mostre e cocerti animando la vita culturale castelnovese.
Il secondo piano, costituito da diverse sale, non ha attualmente una destinazione specifica e i locali sono utilizzati come deposito della biblioteca

 

 

Caratteristiche della visita

La visita è guidata e riguarda i due saloni al primo piano. Durante la rievocazione della terza settimana di maggio è possibile salire sulla torre.
Novità 2022: accesso al sottotetto dove proseguono sulla facciata originaria gi affreschi quattrocenteschi.

Curiosità

Monumenti cittadini:
Chiesa Parrocchiale di SS. Pietro e Paolo; Palazzo Centurione sede del Municipio e del Museo Civico; Casa natale di Matteo Bandello; case del XV sec. di via Fornasari e via Marguati; Chiesa di Sant’Ignazio e di San Rocco

Nei dintorni:
Tortona (antica Dertona, romana): Cattedrale; Palazzo Guidobono, origini sec. XV ospita Museo e Pinacoteca, Mausoleo dell'imperatore Maiorano all'interno della Chiesa di San Matteo; Chiostro dell’Annunziata (sec. XV), Teatro Civico (XIX sec.); Palazzo Medioevale attuale sede della Fondazione CRT, Museo del Divisionismo presso Casa del Pozzo (sec. XV); Museo Diocesano
Rivalta Scrivia: Abbazia cistercense di Santa Maria; Castello di Piovera
Sale: Chiesa di Santa Maria e San Siro;
Terme di Rivannazano: Caldirola sposrt estivi e invernali; Serravalle Designer Outlet

Prodotti tipici:
focaccia Carsent, patate e cipolle Alta Qualità Bassa Valle Scrivia.
Piatti tipici: il ciapulò (carne di asino macinata e trattata), la panada (pane raffermo, acqua, olio, formaggio e sale), i farsò (frittelle di farina, uova e zucchero), i crumbè (un dolce tipico natalizio), i tajarè e fasò (tagliatelle di pasta fatte in casa) e ra fugâsa cur carsént (tipica torta con il crescente lievito naturale)

Sport:
Parco Fluviale dello Scrivia: percorso per bike di 45 chilometri, interamente praticabile, collega il territorio castelnovese con Cassano Spinola. Inoltre nel parco: sport leggeri, attività di osservazione faunistica, relax

Eventi:
Fiera delle macchine agricole di san Giuseppe con Fiera delle Frittelle.
Agosto: antica Festa Patronale di San Desiderio (cambio della bandiera sulla torre e dell’esposizione del busto del Santo Patrono).
Festa patronale di San Desiderio con fuochi d’artificio, nati con la famosa industria pirotecnica castelnovese dei Beltrame.
Novembre: La Fiera dar carsent, Mercato enogastronomico
Dicembre: Facciamo l'albero e mercatini di Natale 

 

Servizi

Didattica, affitto per eventi

Indietro

2022

Aperture settembre / ottobre:
Venerdì 9 settembre ore 21 - inaugurazione rassegna fotografica Storie di Sport, foto in bianco e nero degli sportivi castelnovesi, nelle sale al piano primo.
Sabato 10 settembre - apertura dalle 21 alle 23 in occasione della 23^ GIORNATA FRANCA CASSOLA PASQUALI, Piazza Vittorio Emanuele, Concerto spettacolo Ricchi e Poveri Live tour
Domenica 11 settembre - apertura dalle 15 alle 18 nell'ambito della manifestazione in piazza Vittorio Emanuele "La domenica Sportiva"; continua la rassegna fotografica Storie di Sport, foto in bianco e nero degli sportivi castelnovesi, nelle sale al piano primo.
Venerdì 16 settembre ore 17.30 - nella biblioteca Pierangelo Soldini al piano terra del Castello Maria Teresa Valle presenta "Genova. Una pallottola per il becchino"
Domenica 18 settembre - apertura ore 16 -18, continua la rassegna fotografica Storie di Sport, foto in bianco e nero degli sportivi castelnovesi, nelle sale al piano primo.
Venerdì 23 settembre ore 17.30 - nella biblioteca Pierangelo Soldini al piano terra del Castello, Maria Angela Damilano presenta "Danzando con il demonio, la storia di Agnesa strega di Stazzano"
Domenica 25 settembre - Giornata del Patrimonio apertura dalle ore 16 alle 18. Ingresso gratuito
Domenica 2 ottobre - apertura ore 16,30
ore 17.30 nel cortile del Castello o nelle sale al primo piano in caso di mal tempo, incontro con Valentina Usala per la presentazione del libro "Acque perpetue", musica dal vivo con i ragazzi della Consulta e aperitivo letterario.


1° novembre - fiera del Carsent, orario 15.00-18.00
8 Dicembre - mercatini di Natale e "Facciamo l'albero insieme"

eventuali altre date su prenotazione al numero 0131826754

visite guidate

ingresso gratuito

Logo Castelli Aperti